Archivi giornalieri: 08/09/2014

Catanzaro, il prof. Vanermen al Sant’Anna

image

Il prof. Hugo Vanermen, considerato uno dei maggiori esperti al mondo di cardiochirurgia mitralica mininvasiva videoassistita, ha scelto il «Sant’Anna Hospital» di Catanzaro come unica struttura di riferimento per la sua attività in Italia. Il Centro calabrese di Alta Specialità del Cuore va quindi ad aggiungersi a quelli dove il chirurgo già riceve e opera i suoi pazienti di tutta Europa; quattro Centri, attualmente dislocati in Belgio, Paesi Bassi, Francia e Svizzera.
«La scelta del professor Vanermen», dichiara Daniele Maselli, direttore dell’Unità di Cardiochirurgia, «conferma una volta di più la fondatezza della buona fama di cui gode il Sant’Anna, che lo stesso Vanermen ha evidentemente ritenuto un ospedale all’altezza dei suoi standard». «In questo senso», aggiunge Maselli, «credo che il livello di competenza del nostro staff medico e infermieristico, la nostra dotazione tecnica all’avanguardia e soprattutto l’esperienza che abbiamo maturato nel campo della chirurgia cardiaca mininvasiva, siano stati fattori determinanti nell’orientare la scelta. Ne siamo ovviamente soddisfatti, anche perché dal confronto delle nostre rispettive esperienze non potrà che derivarne un arricchimento professionale reciproco. La chirurgia mininvasiva video assistita, infatti, oltre ai vantaggi che presenta per quei pazienti che ne ricevono l’indicazione, è utile anche sul piano formativo per gli operatori». «Di solito, quando si interviene sulla mitrale con metodiche tradizionali», spiega ancora Maselli, «il campo visivo è limitato al chirurgo che opera. Nel caso della mininvasiva (che comporta com’è noto, un’incisione di pochi centimetri come via di accesso per intervenire sulla valvola) l’ausilio della video assistenza consente di vedere le immagini ingrandite su uno schermo molto ampio e a alta definizione. Ciò significa non solo una maggiore precisione del gesto chirurgico ma anche la condivisione di ciò che si sta facendo con tutta l’équipe presente intorno al tavolo operatorio; una filosofia di crescita comune, quindi, che del resto, da sempre, caratterizza il nostro ospedale».
Marcello Barillà