La Calabria verso le elezioni

image

Regione Calabria, il buon governo comincia dal voto

di Vincenzo Pitaro

Il conto alla rovescia è già cominciato. Manca ormai poco all’appuntamento del 23 novembre, giorno in cui gli elettori calabresi saranno chiamati alle urne per il rinnovo del Consiglio regionale.
L’interrogativo è d’obbligo: quale Calabria ci viene consegnata alla vigilia del voto? Non certo una Calabria che ride. Perché non dirlo? A chi giova infilare la testa nella sabbia, come fanno gli struzzi, per non vedere e non sentire? È una regione allo sfascio. Per responsabilità – diciamolo chiaro – di chi si è trovato a gestire la cosa pubblica nella legislatura che ci accingiamo a lasciarci alle spalle, ma anche nelle precedenti. All’indomani del 23 novembre, dunque, bisognerà davvero rimboccarsi le maniche, sarà necessario trovare la forza di costruire sulle macerie che, purtroppo, sono evidenti ovunque, non solo nel settore sanitario.
Ma ci sarà la volontà e, soprattutto, la «capacità»? Per vari lustri, puntualmente in ogni tornata elettorale, lo abbiamo sperato. Ci eravamo sinceramente illusi che quel proverbiale «Cristo», che da tempo immemorabile si ostina a restarsene di là da Eboli, fosse finalmente giunto anche nella nostra regione. Ma così non è stato. I tempi, invero, sarebbero stati più che maturi e legna da ardere ce ne sarebbe stata a volontà. L’unico «cambiamento» che c’è stato, ahinoi!, ha riguardato soltanto gli schieramenti politici: da sinistra a destra e da destra a sinistra.
Perdipiù, in questa Calabria, in cui gl’interessi di pochi prevalgono da sempre (maledettamente) su quelli collettivi, le «baronie» continuano a condizionare pesantemente persino la formazione delle liste, la scelta dei candidati. Sicché, più d’un partito – anche in questa circostanza – ha perduto una buona occasione per rinnovare le sue rappresentanze, fare la necessaria pulizia, presentare energie giovanili, fare affacciare volti nuovi alla ribalta della politica regionale.
Dire questo, ovviamente, non significa che tutto è gramigna. La buon’erba c’è. Basta saper riflettere. Al voto non si può andare sulla base di considerazioni emotive o di stati d’animo. Altrimenti, in questa Calabria che (forse) da un po’ di tempo ha smesso persino di sperare, la prima reazione istintiva sarebbe davvero quella di fare di tutta l’erba un fascio.
Vincenzo Pitaro
Twitter: @Journalist_vp

– Sono cinque i candidati che aspirano alla carica di governatore della Regione Calabria. Questi i loro nomi: Mario Oliverio (Centrosinistra), cosentino di San Giovanni in Fiore, commissario uscente della Provincia di Cosenza; Wanda Ferro (Centrodestra), catanzarese, commissario uscente della Provincia di Catanzaro; Nico D’Ascola (Alternativa Popolare Calabrese), reggino, senatore Ncd; Cono Cantelmi (Movimento 5 Stelle), catanzarese, avvocato; Domenico Gattuso (L’Altra Calabria), reggino, docente universitario. Quest’ultimo – come si vede – capeggia una lista che, a quanto pare, non è riuscita a trovare di meglio che usare un nome analogo a quello della nostra testata giornalistica, sebbene con questo giornale non c’entri nulla. O, meglio, come dice qualcuno: «c’entra come il cavolo a merenda».
In tutto, dunque, sono 15 le liste impegnate nella tornata elettorale del 23 novembre. Quelle che sostengono Oliverio sono otto: Partito Democratico, Democratici e Progressisti, Oliverio Presidente, Autonomia e Diritti, La Sinistra con Speranza, Calabria in Rete, Centro Democratico e Cristiani Democratici Uniti. Tre, invece, i partiti che sostengono la Ferro: Forza Italia, Casa delle Libertà e Fratelli d’Italia. Le liste collegate con la candidatura di D’Ascola, infine, sono due: Nuovo Centrodestra e Udc.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...